Home » Offerte » Italia » VERONA, MANTOVA, i nodi d’amore di VALEGGIO SUL MINCIO e L’AMARONE DELLA VALPOLICELLA

Tipologie
Gite in Italia

Destinazioni
Italia


Richiedi informazioni

  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
  • Formato data:GG slash MM slash AAAA

VERONA, MANTOVA, i nodi d’amore di VALEGGIO SUL MINCIO e L’AMARONE DELLA VALPOLICELLA



Modalità di pagamento – Soci: verrà addebitato l’intero importo dal mese precedente la gita in 2 rate per importi fino a € 300,00 a persona; in 3 rate per importi fino a € 600,00 a persona, in 4 rate per importi da € 600,00 a persona.
Simpatizzanti: saranno applicate le stesse modalità del Socio (se il Socio autorizza l’addebito sul proprio c/c). Coloro che non intendono avvalersene dovranno specificarlo al momento del conferimento del mandato e rimettere l’intero importo a ricevimento della conferma, con bonifico bancario da effettuare presso l’UniCredit agenzia Montagne Rocciose cod. 30629, intestato al Circolo UniCredit Banca di Roma – IBAN: IT 45 L 02008 05198 000400808578.
Diritti di segreteria: ai soli simpatizzanti verrà applicato un diritto di segreteria di € 5,00 a persona per importi fino a € 500,00; € 10,00 a persona fino a € 1000,00; € 15,00 a persona fino a € 2000,00.
Modalità di pagamento GITE GIORNALIERE
Soci: verrà addebitato l’intero importo in un’unica rata. Simpatizzanti: saranno applicate le stesse modalità del Socio (se il Socio autorizza l’addebito sul proprio c/c). Coloro che non intendono avvalersene dovranno specificarlo al momento del conferimento del mandato e rimettere l’intero importo a ricevimento della conferma, con bonifico bancario da effettuare presso l’UniCredit agenzia Montagne Rocciose cod. 30629, intestato al Circolo UniCredit Banca di Roma – IBAN: IT 45 L 02008 05198 000400808578.

VERONA, MANTOVA, i nodi d’amore di VALEGGIO SUL MINCIO e L’AMARONE DELLA VALPOLICELLA - Dal 29 Maggio 2021 Al 1 Giugno 2021

Scarica l'offerta allegata:


Quota individuale di partecipazione: € 480,00
 

Supplemento singola intero periodo: € 90,00


 
LA QUOTA COMPRENDE
Autopullman privato G.T. per tutta la durata del viaggio
Sistemazione in albergo 4 stelle a Verona
Trattamento di mezza pensione in albergo
Pranzo in ristorante caratteristico a Valeggio sul Mincio
Degustazione di Amarone e salumi in Valpolicella
Visite con guide autorizzate di Mantova, Verona e Valeggio sul Mincio
Assicurazione medico-bagaglio in viaggio
Assistenza per tutta la durata del viaggio
 
LA QUOTA NON COMPRENDE
Assicurazione annullamento viaggio obbligatoria
Ingressi a musei, parchi e siti culturali
Mance, tassa di soggiorno, bevande extra di natura personale

Tutto quanto non espressamente menzionato in “La quota comprende”


 1° GIORNO: ROMA – VERONA
Alle ore 07.00 incontro dei Partecipanti a Piazzale dei Partigiani (lato stazione ferroviaria Ostiense). Sistemazione in pullman G.T. e partenza per Verona. Arrivo nel primo pomeriggio. Incontro con la guida e visita del centro storico, costruito in un’ansa del fiume Adige, è di epoca medioevale. Il punto di partenza ideale per iniziare la visita è Piazza Bra con l’Arena di Verona, grande anfiteatro romano del primo secolo, sede ogni anno dei più famosi festival lirici d’Europa, da qui una bella passeggiata lungo il Corso Porta Nuova ci porterà a Piazza delle Erbe, proseguendo sosteremo alle Arche Scaligere e ad un palazzo del XVI secolo chiamato “la casa di Giulietta”. Infine il più imponente e importante monumento della signoria scaligera e della città: Castelvecchio, originariamente chiamato Castello di San Martino in Aquaro, una fortezza medioevale, attualmente adibito a museo civico. Sistemazione in albergo. Cena e pernottamento.
 
2° GIORNO: MANTOVA
Prima colazione in albergo e partenza per Mantova. Incontro con la guida per la visita della città. Mantova si trova sulla sponda del fiume Mincio, nel punto in cui le acque formano una profonda ansa che abbraccia la città lombarda su tre lati. La vista migliore ed emozionante della città l’avrete dal Ponte San Giorgio, dove potrete ammirare uno degli skyline più belli al mondo. Il riflesso nelle acque del Palazzo Ducale, della cupola di Sant’Andrea e dei campanili danno alla città quel tocco di eleganza. Mantova deve il suo splendore alla famiglia Gonzaga, di origini contadine, che dal 1328 al 1707 divennero prima signori, poi marchesi e, infine, duchi della città. Amanti dell’arte, della letteratura e della musica, i Gonzaga hanno reso Mantova un gioiello del Rinascimento italiano visibile da generazione in generazione nei suoi palazzi, monumenti, chiese, cultura e tradizioni. Visita guidata di Palazzo Ducale con la Camera degli Sposi dove si ammirerà il ciclo degli affreschi capolavoro del Mantegna. “Una città in forma di Palazzo”, questa felice sintesi di Baldassarre Castiglioni rende al meglio l’idea del fascino e delle suggestioni di cui Mantova è capace. Piccola e disegnata, Mantova è innanzitutto un’originale miscellanea di storia e arte. La città si impone al visitatore soprattutto come scrigno di tesori d’arte che nomi famosi del mondo seppero riempire di opere preziosissime. Di gioielli Mantova ne ha moltissimi e tutti conservati con cura e amore: musei, palazzi dei signori che ressero le sorti politiche della città, chiese e sinagoghe, nuclei storici legati alle vicende del suo passato, pinacoteche, angoli suggestivi, vicoli, strade e piazzette foderate di mattoni e di antichi arredi urbani. Pranzo libero. Nel primo pomeriggio si raggiungerà Sabbioneta, la città muraria dei Gonzaga. In poco più di un secolo, da piccolo borgo fortificato, i Gonzaga la ricostruirono secondo canoni rinascimentali. Fu Vespasiano Gonzaga a promuoverne la costruzione secondo le proporzioni e l’ideale di armonia simboleggiate nel disegno dell’uomo vitruviano di Leonardo da Vinci. Mantova e Sabbioneta, due città distinte ma, per l’Unesco, dal 2008, un unico Patrimonio Mondiale. “Se Mantova è un esempio di trasformazione di una città esistente, Sabbioneta è una città di nuova fondazione, le cui mura difensive, la pianta a scacchiera delle vie e il ruolo degli spazi pubblici e dei monumenti la rendono uno dei migliori esempi di città ideale costruita in Europa”. È solo una sintesi del racconto dell’Unesco ma è sufficiente a spiegare il perché le due città gioiello dei Gonzaga siano patrimonio dell’Umanità. Tra gli artisti ricordiamo Leon Battista Alberti, Luca Fancelli, Andrea Mantegna e Giulio Romano. In serata rientro in albergo. Cena e pernottamento.  
 
3° GIORNO: VALEGGIO SUL MINCIO – PARCO GIARDINO SICURTA’
Prima colazione e partenza per Valeggio sul Mincio. La caratteristica principale di questo luogo da sogno è quella di essere formata da due borghi riuniti nello stesso comune: Borghetto e Valeggio, entrambi di origine longobarda, anche se le costruzioni più importanti risalgono al periodo medioevale quando la zona era al centro di scontri da parte dei signori locali e della Repubblica di Venezia. Visita guidata del borgo: il Castello Scaligero, simbolo della città, Villa Sigurtà costruita nel XVII secolo in stile palladiano e il suo parco, vincitore nel 2013 del parco più bello d’Italia, da visitare in primavera con le fioriture di tulipani, iris e rose. L’itinerario continua alla scoperta delle meraviglie del centro storico con i palazzi nobiliari, le chiese e il ponte visconteo, una diga fortificata costruita alla fine del 1300 da Gian Galeazzo Visconti, un progetto di estrema complessità e ai piedi del ponte sorge la frazione di Borghetto, un paese dove il tempo sembra essersi fermato, con le case che si affacciano sul Mincio con i suggestivi mulini ad acqua, alcuni dei quali sono stati rimessi in funzione, inserito nella lista dei Borghi più belli d’Italia. Pranzo in un ristorante caratteristico con il piatto per eccellenza della zona: il Nodo d’Amore, il vero tortellino di Valeggio, una vera eccellenza italiana, uno scrigno di sfoglia dorata sottile ripieno di carne brasata, rigorosamente fatto a mano come vuole la tradizione. Rientro in albergo. Cena e pernottamento.  
 
4° GIORNO: VALPOLICELLA – ROMA
Prima colazione in albergo. Partenza per le colline della Valpolicella. Uno dei paesi vitivinicoli più importanti d’Italia con le sue colline costellate di cantine tradizionali a conduzione familiare. Dal 2018 Verona è la capitale italiana del vino quale migliore occasione per scoprire i segreti della produzione del vino Amarone e una degustazione dei suoi migliori rossi rappresentativi del territorio. Degustazione con salumi tipici e partenza per Roma. Arrivo in serata. Fine dei nostri servizi.  

Conferimento di mandato con rappresentanza

GITE ITALIA

cod. posta interna A02 - Via delle Montagne Rocciose, 47D - 00144 Roma
soggiorni@circolobdr.it - Tel. 06/54243422 - 06/54243443 / Fax 06/54243470 - 06/54243447